Capelli corti nella storia, fu una tassa a lanciare la moda alla fine del ‘700

0 137

Roma – Fu una tassa a lanciare la moda dei capelli corti. La introdusse il primo ministro inglese William Pitt nel 1795 e colpiva la farina che nobili e ricchi borghesi utilizzavano per rendere candide e profumate – e all’epoca non era un dettaglio indifferente – le loro sofisticate parrucche. Nel ‘700 rappresentavano una sorta di status symbol, soprattutto per i cortigiani che le sfoggiavano nei palazzi e nei giardini delle corti europee. Dunque, il balzello sulla farina produsse un diffuso malcontento a cui reagì in modo decisivo, per protesta, il duca di Bedford, che abbandonò la parrucca e inizio a pettinare i capelli con la riga laterale, utilizzando la cera per fissare l’acconciatura. La soluzione si dimostrò un successo, la cera era sicuramente più economica e rendeva i capelli belli e lucidi. L’alternativa di Bedford diventò “tendenza” non solo tra gli amici del duca e in Inghilterra, ma in tutta Europa. La moda era cambiata, le parrucche finirono dimenticate nei cassetti per far posto al taglio corto e fu inutile il tentativo del primo ministro di ridurre la tassa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy